Opere geotecniche | Consolidamenti 

Committente: Ospedale Serafino Gnutti
Importo Lavori: 750.000,00€
Capocommessa: Impr. Pollonio SpA – Brescia
Opere Speciali: Teknodrill srl – Flero
Categoria: IXc (opere speciali)
Periodo Lavori: 2002 – 2003
Incarico: Progetto opere speciali
Progetto c.a.: Ing. Gregorelli

VISUALIZZA PROGETTO

L’intervento consiste nella realizzazione di una berlinese di micropali con interasse da 33 a 60cm con uno sviluppo sul fronte stradale di circa 60mt e due ali laterali digradanti con sviluppo di circa 30mt per parte; l’altezza massima dello scavo è di circa 16.0m. Le tirantature sono di tipo provvisionale con portate da 45 a 60ton e lunghezze fino a 23mt., impostate su travi in c.a. 30×100 organizzate su un massimo di 6 ordini. I muri definitivi in c.a. sono rastremati con spessore alla base di circa 1.8m e sono coadiuvati nel contenimento delle spinte da chiodature passive in acciaio zincato ø24 inserite nel terreno per circa 7.0m, e disposte in posizione alterna rispetto ai tiranti.

VISUALIZZA PROGETTO

Committente: Impr. Bertani & Baselli – Milano
Opere Speciali: TeKnodrill s.r.l.
Importo Lavori: 2.000.000,00€
Categoria: IXc (opere speciali)
Periodo Lavori: 2004 – 2006
Incarico: Progetto e D.L.
Progetto c.a.: ORPE srl – Milano

VISUALIZZA PROGETTO

L’intervento consiste nella realizzazione di circa 50 ville distribuite sul versante con vista sul mare. La loro collocazione ha richiesto l’esecuzione di scavi di sbancamento con altezze fino a 15mt sostenuti da berlinesi di micropali gradonate e tiranti permanenti.  I contromuri sono realizzati in avanzamento con lo scavo dall’alto verso il basso, ed inglobano le travi di ripartizione dei tiranti, previo inserimento di adeguata armatura di ripartizione. I micropali sono stati disposti con interasse variabile da 40÷50cm nelle zone con terreni sciolti e fino ad 1.0m nelle zone con materiale roccioso. Le tirantature sono disposte su un massimo di 6 ordini e sono di tipo permanente con doppia protezione anticorrosiva. Le testate sono ritesabili ed alcune di esse sono dotate di celle di pressione.

VISUALIZZA PROGETTO

Committente: Moretti S.p.A. – Teknodrill srl
Importo Lavori: 1.200.000,00 €
Categoria: IXc
Periodo Lavori: 2007 ÷ 2008
Incarico: Progetto Opere di Palificazione
Progetto c.a.: Moretti SpA
Progetto arch.: Arch. Mario Botta

VISUALIZZA PROGETTO

Il fronte delle opere di palificazione è di circa 300mt con uno scavo variabile da 10 a 12m.  Particolare attenzione è stata posta nel mantenimento delle strutture originarie della sede storica della Campari SpA, rinforzandone le fondazioni e al contempo sostenendo lo scavo. I contrasti sono stati realizzati mediante micropali inclinati o tirantature provvisionali, calibrate in modo da non interferire con il tunnel della linea MM1 passante al confine. Nelle zone con maggior scavo sono state impiegate tre file di tiranti.

VISUALIZZA PROGETTO

Committente: Condominio via Casati, 150
Importo Lavori: 300 000,00 €
Impresa: Ziliani s.r.l. – Milano
Opere Speciali: Teknodrill s.r.l. – Flero
Categoria: XIc
Periodo Lavori: 2009
Incarico: Progetto e DL strutture

VISUALIZZA PROGETTO

A causa di un grave errore progettuale, l’edificio era stato costruito posando le fondazioni della pilastrata lato strada ad una quota diversa da quelle interne, oltretutto su un terreno con scarsissime caratteristiche geotecniche; nel corso di circa 30 anni si sono sviluppate fessurazioni importanti ed abbassamenti di circa 7cm dei pilastri; gli interventi di consolidamento con resine espandenti realizzati da altre ditte si sono rivelati completamente inefficaci. Il rinforzo è stato eseguito con micropali intestati nella stratificazione portante, collegati alle fondazioni esistenti con cordoli in c.a. e barre dywidag precompresse. Particolarmente complesse sono state le fasi operative per via dei ridotti spazi sia in altezza che planimetrici e per la permanenza dei condomini durante tutte le fasi lavorative. Per i micropali sono state adottate tecniche di perforazione assolutamente non invasive.

VISUALIZZA PROGETTO

Committente: Paterlini Costruzioni S.p.A.
Importo Lavori: €. 400.000,00
Categoria: XIC – IF
Periodo Lavori: 2007-2008
Incarico: Progettazione Strutturale

VISUALIZZA PROGETTO

La nuova sede della Banca Valsabbina con dimensioni in pianta di 32x11m, è stata realizzata su quattro unici pilastri circolari ø1.5m ed altezza di 12.0m sui quali sono impostati i nuovi uffici disposti su quattro piani con struttura reticolare metallica. A causa della ristrettezza degli spazi, le nuove fondazioni (di altezza pari a 2.0m) sono state impostate su micropali collocati ai lati delle esistenti; data la loro vicinanza, alcuni micropali sono stati realizzati con una leggera inclinazione per allontanare le zone portanti. Particolare attenzione è stata posta nel collegamento pali-getti e nella ripresa dei ferri d’armatura dei pilastri, per i quali sono state utilizzate 54 barre Φ32mm con staffatura a spirale.

VISUALIZZA PROGETTO

Committente: Forgiatura Morandini
Opere Speciali: TeKnodrill s.r.l. – Flero
Importo Lavori: €. 400.000,00
Categoria: XIC
Periodo Lavori: 2011
Incarico: Progetto Opere Speciali
Progetto c.a.: Ing. Sandrini

VISUALIZZA PROGETTO

Per l’inserimento di una pressa da 15000ton, è stato eseguito uno scavo con dimensioni 20x30m e quota 12.7m in adiacenza ai plinti esistenti, sostenendo inoltre un battente idraulico di 6.0m. Sono stati impiegati diaframmi da 60cm, con giunto protetto da colonne jetting e con tiranti provvisionali sulla trave di testa. Il tappo di fondo è realizzato con jetting Φ1500 in maglia 110×120 e lunghezze variabili, sfruttando il peso del materiale in sito. Preliminarmente tutti i plinti esistenti sono stati rinforzati con micropali e cordonature in c.a..

VISUALIZZA PROGETTO

Committente: SILMET SpA – Torbole Casaglia (Bs)
Impresa: Teknodrill s.r.l. – Flero (Bs)
Importo Lavori: €. 400.000
Categoria: XIc
Periodo Lavori: 2006÷2007
Incarico: Progetto opere speciali
Progetto c.a.: Ing. E. Trotta, Brescia

VISUALIZZA PROGETTO

Per il Laminatoio (33x16m, scavo 7.5m, battente 2.5m) è stata realizzata una cortina di colonne jetting Φ 1200 in singola/doppia fila con tirantatura su trave di coronamento in c.a.; per il tappo di fondo sono state impiegate colonne Φ1200 maglia 1.0×1.0m. Per le linee Slitter (6x3m, scavo 11.0m e battente 6.0m) è stata realizzata una cortina di colonne jetting Φ 1000÷1200 in doppia fila contrastata dalla trave di coronamento in c.a. ad anello; per il tappo di fondo sono state impiegate colonne Φ1500 maglia 1.0×1.2m. I plinti esistenti sono stati preventivamente consolidati con micropali ammorsati nei getti esistenti.

VISUALIZZA PROGETTO